Get Adobe Flash player
PER APPUNTAMENTI:

02-21.11.63.73

PER INFORMAZIONI:

340-588.71.28

E-MAIL

infonatdent@gmail.com

PUOI TROVARCI QUI:

Via Farneti 10 (angolo Viale Abruzzi) a Milano

       Mineralogramma: Check-Up del bulbo capillare 

Il mineralogramma BCC, eseguito con un microscopico a luce polarizzata, è una novità italiana a livello mondiale. Diversamente da altre metodiche già conosciute (es. il TMC americano) utilizza solo 4 o 5 bulbi capillari esaminandoli visivamente ed elettronicamente con uno spettro di 16,3 milioni di colori.

Cos’è il Mineralogramma BCC©

Il “Biochemical Components Check”, di seguito chiamato mineralogramma BCC©, è un’ analisi del capello ad alta innovazione tecnologica che da informazioni in tempo reale di ciò che è avvenuto e sta avvenendo nel capello. L’esame permette così di individuare, analizzare e visualizzare il contenuto intracellulare del bulbo e dello stelo.  Il mineralogramma BCC© fornisce così una lettura del deposito dei minerali nutrizionali, dei metalli tossici, delle vitamine e degli aminoacidi con funzioni biologicamente note nelle parti vitali del capello evidenziando gli squilibri minerali sia esogeni sia endogeni.

————————————————————————————

Comparazione tra il mineralogramma BCC©

(Biochemical Components Check) 

e il mineralogramma TMA©

(Analisi Minerale Tissutale americano)

————————————————————————————

Con iI mineralogramma BCC©, l’innocuo prelievo di due decine di singoli capelli (sempre con il proprio bulbo) è eseguito in cinque distretti diversi della testa in modo che la valutazione finale rispecchi valori generali e non di un singolo distretto come avviene, a esempio, per il mineralogramma TMA©.

 

I capelli sono messi su di un vetrino per essere analizzati al microscopio con luce polarizzata. Il colore che caratterizza un oligoelemento è prodotto dall’assorbimento selettivo di determinate lunghezze d’onda della luce da parte di atomi appartenenti alla struttura minerale dell’oligoelemento stesso. La sequenza iconografica così ottenuta è valutata, interpretata e elaborata fornendo valori e rapporti dei vari elementi riscontrati. Per la lettura di ogni singolo elemento è usata la tecnica del tele-rilevamento chiamato UNMIXING insieme a software dedicati IDL, entrambi utilizzati normalmente da enti come la NASA e l’ESA.  

 

In ogni pixel fotografico (ricavato dall’icona del capello) sono riconosciuti, rilevati e letti 16.3 milioni di colori appartenenti al capello stesso, riconoscendo sia lo spettro di ogni singolo elemento sia una banda di colore che rispecchia la componente in atto. Con queste informazioni è poi misurata la distanza rispetto all’elemento base. A questo punto è attribuito un peso espresso in mg% (1 mg% è uguale a 10 parti per milione). 

 

Tutti i dati riscontrati sono espressi in mg%. Il mineralogramma BCC© non è traumatico né invasivo in quanto non fa uso di trattamenti preparatori fisici o chimici o altre manipolazioni, differenziandosi così dal mineralogramma classico (il TMA©) il quale, tra l’altro, non può individuare le alterazioni delle varie strutture cellulari né le varie composizioni distrettuali.

Con il metodo TMA©, ovvero il mineralogramma americano, i capelli sono prelevati nella zona retro auricolare e tagliati  a circa un centimetro dalla nuca. Inviati in laboratorio sono dapprima sminuzzati, poi lavati con vari solventi e poi sciolti in perclorito e bruciati ad altissima temperatura più e più volte. Si ottengono così delle ceneri e su queste si svolgono le indagini per individuare i vari minerali. I dati così ottenuti rispecchiano una situazione pregressa tra i 60 e i 90 giorni, aumentando così il rischio di alterazione valutativa immediata data dal deposito di sostanze non organiche (inquinamento, tinte, agenti atmosferici, ecc.). 

 

L’autorevole rivista Journal of American Medical Association, in un articolo ampiamente pubblicizzato, ha segnalato alla comunità scientifica internazionale il rischio di imprecisione nei dati e di interpretazioni “selvagge” nel mineralogramma eseguito con metodo il TMA© a causa del suo complesso sistema di indagine.

 

Contenuto dell’analisi del mineralogramma BCC© 

     

Contenuto intracellulare relativo agli:

  • oligoelementi tossici con valori normali e valori riscontrati con grafici
  • oligoelementi con valori normali e/o riscontrati con grafici
  • delle vitamine con valori normali e valori riscontrati con grafici
  • degli aminoacidi con valori normali e valori riscontrati con grafici

·

Rapporto fra gli oligoelementi:

  1. e le correlazioni con valori normali e/o riscontrati con grafici
  2. e oligoelem. tossici a valori normali e/o riscontrati con grafici.

Il mineralogramma BCC© è corredato da cartelle e documentazione iconografica con indicazioni, valutazioni e interpretazioni quali:

  • valutazione stato ossidativo ed energetico
  • valutazione dell’equilibrio del sistema immunitario
  • metabolismo glucidico e dei minerali
  • rapporto di tolleranza di zuccheri e carboidrati
  • metabolismo proteico
  • equilibrio ormonale, funzionalità tiroidea e surrenalica
  • trend diabetico
  • equilibrio neurovegetativo
  • alterazioni della nutrizione ed equilibrio vitaminico.

Principio Olistico del mineralogramma BCC©

L’analisi del bulbo capillare con il mineralogramma BCC© fornisce tutte le indicazioni per un trattamento mirato e personalizzato nonché per un corretto programma di riequilibrio nutrizionale.

Attraverso il mineralogramma BCC© si effettua la lettura di ogni minerale contenuto nel capello che, a sua a volta, rappresenta la somma di vari eventi metabolici pertanto, ogni lettura minerale non deve essere considerata in modo semplicistico bensì interpretata e analizzata nelle sue correlazioni prima di trarre conclusioni non corrette.

La velocità di esecuzione, l’ampia documentazione descrittiva e iconografica completano queste nuovissimo test di screening. Le valutazioni e la corretta interpretazione dei risultati sono di esclusiva competenza dello Studio che eroga il servizio.

Sali minerali e salute

  • Il Calcio è importante per una buona salute il suo eccesso può causare aumento di peso, forme ansiose, apatia e astenia.
  • La carenza di Rame, invece, può causare anemia mentre quella di Zinco dei disturbi alle articolazioni
  • Una giusta quantità di Selenio è importante per prevenire l’invecchiamento.
  • Il metodo per conoscere l’attività tiroidea è il rapporto Calcio/Potassio: se prevale il calcio vi è ipo-tiroidismo, se è basso, iper-tiroidismo.
  • Il rapporto Sodio/Magnesio e Sodio/Potassio fornisce, invece, utili informazioni sull’attività delle ghiandole surrenali. 
  • Per conoscere se vi è presenza di stress ci si avvale del rapporto Sodio/Potassio; più prevale il potassio e più è alto il livello di stress.

 

I sali minerali tossici

Il mineralogramma BCC© si presenta assai utile per identificare la pericolosissima presenza di metalli tossici nell’organismo, tra cui citiamo: alluminio, cadmio, mercurio e piombo. Questa rilevazione permette di verificare se, nel caso di malattie professionali, vi è stato un accumulo di detti minerali con conseguenti patologie a carico dei polmoni, del sistema nervoso, delle ossa e del fegato. 

L’esame è particolarmente indicato in Naturopatia Dentale® per rilevare il livello di mercurio nell’organismo nonché per fornire al dentista l’indicazione e la metodica più proficua e innocua per il paziente, al fine della rimozione “protetta” delle amalgame dentali che contengono, appunto, il mercurio!

Va inoltre segnalata la pericolosità dei fogli e delle pentole d’alluminio, del vizio del fumo (sprigiona il cadmio) e dell’abuso d’antiacidi, a base d’alluminio, per combattere l’eccesso d’acidità nello stomaco.

I sali minerali “antidoto”

La natura, che è sempre provvida e intelligente, ha previsto un possibile avvelenamento a causa dei metalli pesanti. Ha perciò donato ad alcuni metalli “utili” la possibilità di controbilanciare gli effetti di quelli “dannosi”. Pertanto:

  1. ·         lo zinco riduce gli effetti dannosi del cadmio e del mercurio;
  2. ·         il ferro riduce la tossicità del piombo e del mercurio;
  3. ·         il calcio lenisce i dannosi effetti del piombo.

Il Naturopata Dentale® dopo aver fornito queste preziose informazioni, consiglia il cliente portatore d’otturazioni di vecchio tipo (amalgama) o che abbia subito un avvelenamento professionale da mercurio, di utilizzare gli alimenti più congeniali per rimediare agli effetti dannosi dei minerali da lui assorbiti. Si consiglierà, la ove possibile, l’utilità di una graduale eliminazione “protetta” delle otturazioni a base di mercurio, con quelle più recenti a base di sostanze biocompatibili non dannose.

Se il caso lo dovesse richiedere il Naturopata Nentale® potrebbe anche valutare l’utilizzo di supplementi alimentari in grado di fornire apporto di minerali “utili”, per controbilanciare il dannoso effetto di quelli tossici.

Come è ripristinato l’equilibrio originario?

Con il mineralogramma BCC© si è in grado di conoscere le deviazioni e le possibili strade da percorrere per fornire alle persone i giusti integratori al fine di normalizzarne le deviazioni in tempi relativamente brevi. Ad esempio si può studiare un apporto equilibrante di vitamine e sali minerali personalizzato, che può comprende anche un supporto al sistema endocrino; questo significa fornire un approccio olistico e ben calibrato.

Per ottenere il massimo da questo processo di riordino dei minerali, sarà necessario tenere in considerazione anche i cibi e le bevande normalmente assunti in quanto, da essi, dipendono i processi di eliminazione per le eccedenze e quelli di reintegrazione per le carenze a livello cellulare.

Si potrà, a questo riguardo, consigliare una alimentazione personalizzata cui si farà seguire, a distanza di qualche tempo, un nuovo mineralogramma BCC© di controllo.